admin

admin

(14 commenti, 1462 articoli)

Questo utente non ha condiviso alcuna informazione del profilo

Articoli di admin

La gioventù dimezzata di Amedeo Spagnuolo – da Il Manifesto Sardo 3 Gennaio 2022

La gioventù dimezzata
di Amedeo Spagnuolo

 

da Il Manifesto Sardo
3 Gennaio 2022

https://www.manifestosardo.org/la-gioventu-dimezzata/

 

 

NO DRAGHI DAY in Sardegna – Cagliari e Sassari 4 dicembre 2021

NO DRAGHI DAY in Sardegna

SIT IN a CAGLIARI e SASSARI

sabato 4 DICEMBRE 2021

 

CAGLIARI

VIDEO Giancarlo Della Corte

COBAS Sardegna

https://youtu.be/4hxChG-AwH0

da casteddu online

https://www.castedduonline.it/cagliari-sindacati-furiosi-contro-draghi-bollette-di-luce-e-gas-da-infarto-questo-governo-non-pensa-ai-poveri/

FOTO SIT IN di Cagliari

SASSARI

VIDEO di apertura

 

 

FOTO SIT IN di Sassari

 

 

 

4 dicembre 2021 NO DRAGHI DAY – Giornata nazionale di protesta. In Sardegna: SIT IN a CAGLIARI e SASSARI sabato 4 DICEMBRE 2021 – CAGLIARI: via Roma ore 16.00 (fronte Consiglio Regionale) – SASSARI: piazza Castello ore 17.30

Appello del sindacalismo di base e conflittuale

4 dicembre 2021 NO DRAGHI DAY

Giornata nazionale di protesta

 

Contro le misure economiche del governo Draghi:

Manifestazioni nelle principali città: contro licenziamenti, privatizzazioni, delocalizzazioni e carovita. Per la giustizia climatica e sociale.

 

In Sardegna: SIT IN a CAGLIARI e SASSARI

sabato 4 DICEMBRE 2021

CAGLIARI: via Roma ore 16.00 (fronte Consiglio Regionale) – COBAS Sardegna, Cobas Scuola Cagliari, USB

SASSARI: piazza Castello ore 17.30 – COBAS Sardegna, Sa Domo de Totus, Fronte dei Giovani Comunisti

 

locandina NO DRAGHI DAY 4 dicembre 2021 – COBAS Scuola Sardegna

NO DRAGHI DAY – CAGLIARI 04-12-2021

NO DRAGHI DAY – Sassari 04-12-2021

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

SIT IN a SASSARI

La Casa di Tutti – Sa Domo de Totus

Fronte dei Giovani Comunisti

COBAS Sardegna

 

https://www.facebook.com/303389176940083/posts/978254949453499/

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Corte dei Conti: INVALSI, ma cosa combini, e quanto ci costi? di Redazione ROARS 18 Novembre 2021

Corte dei Conti: INVALSI, ma cosa combini, e quanto ci costi?

di Redazione ROARS
18 Novembre 2021

https://www.roars.it/online/corte-dei-conti-invalsi-ma-cosa-combini-e-quanto-ci-costi/

corte-dei-conti-invalsi-ma-cosa-combini-e-quanto-ci-costi

La deprivazione sanitaria a Nuoro di Amedeo Spagnuolo – da il Manifesto Sardo 16 novembre 2021

La deprivazione sanitaria a Nuoro

di Amedeo Spagnuolo

da il Manifesto Sardo
16 novembre 2021

 

 

https://www.manifestosardo.org/la-deprivazione-sanitaria-a-nuoro/

RICORSO al Giudice del Lavoro RIVOLTO a DOCENTI e ATA PRECARI e/o attualmente di RUOLO che hanno STIPULATO CONTRATTI per SUPPLENZE BREVI e SALTUARIE negli ULTIMI 10 ANNI

RICORSO al Giudice del Lavoro RIVOLTO a DOCENTI e ATA PRECARI e/o attualmente di RUOLO che hanno STIPULATO CONTRATTI per SUPPLENZE BREVI e SALTUARIE negli ULTIMI 10 ANNI

In seguito all’Ordinanza n° 20015/18 della Corte di Cassazione, i COBAS SCUOLA SARDEGNA organizzano il RICORSO per Docenti e ATA precari, o di ruolo, che, negli ultimi 10 anni, hanno stipulato contratti di supplenza breve e saltuaria in sostituzione di personale assente.

Il ricorso è volto ad ottenere il rimborso delle voci stipendiali RDP (retribuzione professionale docenti) e CIA (compenso individuale accessorio) illegittimamente non corrisposte.

Le somme dovute ammontano a:

  • 175.50 euro per OGNI MESE di servizio prestato per il personale docente

  • 66.90 euro per OGNI MESE di servizio prestato per il personale Ata.

Per adesioni inviare una mail all’indirizzo di posta elettronica cobascuola.ca@gmail.com contenente nome, cognome e numero di telefono.

COBAS Scuola Sardegna

ATTI OSCENI IN LUOGO PUBBLICO: un battimani nel Senato della Repubblica – di Gianluigi Deiana

ATTI OSCENI IN LUOGO PUBBLICO
un battimani nel Senato della Repubblica

di Gianluigi Deiana

Il concetto dell’osceno è sempre relativo al suo tempo, sempre soggetto a una mutevolezza generazionale, sempre tacitamente in bilico fra la fondatezza e l’assurdità.

In quanto capace di legare strettamente il pregiudizio e l’istintualità, esso è anche intrinsecamente pericoloso: è per questa ragione che dovrebbe essere sempre oggetto di una particolare attenzione critica nei sistemi educativi.

Tuttavia esso ha anche, e forse prima di tutto, una ragion d’essere insopprimibile, che prescinde da contesti specifici. Questa ragione è costituita dall’ “osceno eterno”: laddove lo sgomento, la paura e il ribrezzo insorgono insieme nella coscienza come un allarme improvviso ed estremo.

Non si tratta dell’imbarazzo riferito alla vista casuale di un bacio fra due ragazzi o fra due ragazze, che di oscenità non ne ha ombra alcuna, e nemmeno del fastidio provocato da un esibizionista che affonda le mani nel sottopancia al passaggio di una giovane donna.

No: “l’osceno eterno” è ben altro.

Esso è costituito, come esempio teatrale incancellabile, da situazioni come il grande applauso di centocinquanta Senatori di una Repubblica alla lettura dell’esito di un voto segreto su un disegno di legge, avente come oggetto il diritto alla discriminazione o la sua abiura.

Quell’applauso è stato così spontaneo, rabbioso e soddisfatto di sè che nemmeno una scena di branco ne potrebbe mai raggiungere una tale esaltazione in termini di “orgasmo”: dall’icona raggiante del senatore Pillon alla distanza voyeristica del senatore Renzi, questa pagina non si potrà mai più dimenticare.

Ma proprio in questa trionfale eternazione, in realtà, sta la verità della sua sconfitta.

Ogni malefatta a radice sessuale, in quanto ripensata nella sua contingente oscenità, impone a chi la esegue una necessità di cancellazione: ma l’osceno eterno, così reso pubblico, istituzionale ed immortale, non può essere cancellato.

Esso ha conquistato insieme il suo diritto al trionfo e la sua condanna al vituperio: per sempre.

I sondaggi di opinione rivelano ora, giorno dopo giorno, che il contenuto spirito del disegno di legge sull’omotransfobia è condiviso dalla stragrande maggioranza della popolazione, quasi in un rapporto di 3 a 1: 62% contro 24%; e tuttavia quel 62% fino a ieri era presumibilmente costituito da una quota cospicua di “indifferenti”: favorevoli per principio all’approvazione, ma non interessati per vicenda personale o non coinvolti da situazioni concrete.

Ora non più: il grande merito di quel voto in Senato è stato quello di avere strappato la maschera ai crociati della discriminazione e di avere tolto la benda dagli occhi a milioni di cittadini.

Si è trattato cioè di una sorta di passaggio obbligato, aderente a quella necessità storica che una grande filosofia definì un tempo “il travaglio del negativo”.

O secondo la formidabile allusione biblica, aderente alla descrizione biblica di quell’istante di illuminazione e sgomento dopo il peccato, e la visione della vera miserabile nudità: i loro occhi si aprirono, e videro.

 

 

ASSEMBLEA NAZIONALE del SINDACALISMO di BASE e CONFLITTUALE – ROMA 24 ottobre 2021 – MOZIONE FINALE

ASSEMBLEA NAZIONALE del SINDACALISMO

di BASE e CONFLITTUALE 

ROMA 24 ottobre 2021 – MOZIONE FINALE

Domenica 24 ottobre si è tenuta a Roma l’assemblea nazionale del sindacalismo di base e conflittuale che ha condiviso la valutazione positiva dello Sciopero Generale indetto unitariamente lo scorso 11 ottobre. L’assemblea ha espresso una forte soddisfazione per l’esito della mobilitazione unitaria che ha prodotto iniziative e manifestazioni in moltissime città, ha coinvolto un gran numero di settori e categorie, è riuscita ad aggregare altre forze e movimenti in una giornata di lotta sui temi del lavoro e ha fermato la circolazione delle merci in alcuni gangli vitali del paese. Per un giorno il paese ha dovuto prendere atto che c’è una parte del mondo del lavoro che non è disposta a chinare la testa di fronte ai piani del governo Draghi ed è pronta a dare battaglia.

L’assemblea ha espresso la volontà unanime di dare continuità al percorso unitario, anche tenendo conto di una valutazione di merito del contesto che stiamo vivendo, attivando una forma stabile di consultazione tra tutte le organizzazioni del sindacalismo di base, che sarà definitiva in seguito in modo più dettagliato.

Già dal prossimo 30 ottobre saremo di nuovo in piazza a Roma contro il G20 in uno spezzone unitario con la consapevolezza che i temi dell’ambiente e del clima sono parte integrante della nostra comune piattaforma di lotta contro lo sfruttamento capitalistico delle persone e della Natura, per i diritti del mondo del lavoro.

L’assemblea ha mostrato una particolare attenzione verso l’attacco alle libertà democratiche che oggi si manifesta sotto diverse forme: dalle ripetute azioni repressive contro attivisti e sindacalisti, all’utilizzo di agenti privati contro i lavoratori in sciopero; dai divieti al diritto di manifestare fino ai nuovi attacchi al diritto di sciopero. Pertanto, ha espresso la necessità di costruire una risposta unitaria e la più ampia mobilitazione contro questo clima fortemente repressivo.

Un clima nel quale i progetti di ulteriore limitazione degli spazi di rappresentanza ed agibilità sindacale tesi ad instaurare il monopolio concertativo di cgil, cisl e uil, procedono speditamente e contro i quali intensificheremo la mobilitazione.

Il nostro percorso ha al centro la lotta alle politiche filopadronali del governo Draghi e la piattaforma che abbiamo condiviso nello sciopero generale dell’11 ottobre. Al centro ci sono la lotta per il salario e per il reddito, la difesa del welfare delle pensioni, il contrasto all’aumento dei prezzi e delle tariffe, contro i licenziamenti e per la tutela della sicurezza sui posti di lavoro. L’assemblea ha inoltre espresso la necessità di contrastare i rinnovati propositi del governo di introdurre ulteriori provvedimenti che vanno nella direzione dell’autonomia differenziata tra le regioni.

L’assemblea ha infine espresso la necessità di mettere in cantiere l’organizzazione di ulteriori iniziative unitarie, tanto locali quanto nazionali, compresa la promozione di nuove iniziative di sciopero tanto di categoria quanto generali, sottolineando la necessità di estendere il più possibile la mobilitazione di tutti i lavoratori e le lavoratrici e dando impulso alla necessaria solidarietà fra lavoratori e settori popolari colpiti dalle politiche padronali e governative.

 

ADL COBAS, CLAP, COBAS SARDEGNA, CONFEDERAZIONE COBAS, 

CUB, ORSA, SGB, UNICOBAS, USB, USI-CIT

 

Mozione finale assemblea nazionale 24 ottobre 2021

 

 

Assemblea Sindacale dei COBAS Scuola Sardegna rivolta a tutto il personale ATA modalità telematica 28 ottobre 2021 ore 17.30

Assemblea Sindacale dei COBAS Scuola Sardegna rivolta a tutto il personale ATA 

modalità telematica 28 ottobre 2021 ore 17.30

A tutte/i le/gli ATA

iscritte/i e simpatizzanti

dei COBAS Scuola Sardegna

convocazione Assemblea Sindacale telematica personale ATA

COBAS Scuola Sardegna – giovedì 28 ottobre 2021 h. 17.30.

Comunichiamo che giovedì 28 ottobre 2021, dalle ore 17.30 alle ore 20,00, è convocata in modalità telematica un’Assemblea Sindacale dei COBAS Scuola Sardegna rivolta a tutto il personale ATA iscritto e simpatizzante per discutere il seguente O.d.G.:

1)   Piano delle Attività ATA (assegnazioni reparti, attività e uffici, carichi di lavoro, orari di lavoro, sostituzioni assenti, etc.);

2)   attività legate all’emergenza Covid19 e Green Pass;

3)   diritto alle 35 ore settimanali personale ATA (chi ne dovrebbe fruire);

4)   attività personale Amministrativo relative alle pratiche di pensione;

5)   varie ed eventuali.

 

Si ricorda che le Assemblee COBAS sono aperte a tutte/i le/i colleghe e colleghi interessate/i (anche non iscritti/e) e vista l’importanza degli argomenti confidiamo nella massima partecipazione.

Il collegamento potrà essere effettuato sulla piattaforma zoom al seguente link

https://us02web.zoom.us/j/82060869845?pwd=T0lGVTV2NWcvNmdwUktEOXREczFuQT09

 

per i COBAS Scuola Sardegna

(Nicola Giua e Bruno Firinu)

 

 

assemblea telematica ATA dei COBAS Scuola Sardegna 28 ottobre 2021 ore 17.30 – sito

 

 

Volti di Amedeo Spagnuolo – da il Manifesto Sardo 16 ottobre 2021

Volti

di Amedeo Spagnuolo

 

da il Manifesto Sardo
16 ottobre 2021

 

https://www.manifestosardo.org/volti/

 

 

Rassegna Stampa e vari interventi al termine del CORTEO di Cagliari nella giornata dello SCIOPERO Generale dell’11 ottobre 2021

Rassegna Stampa e vari interventi al termine del CORTEO di Cagliari nella giornata dello SCIOPERO Generale dell’11 ottobre 2021 indetto dai COBAS Scuola Sardegna e da tutte le Organizzazioni Sindacali concertative e di base.

 

intervento di Nicola Giua dei COBAS Scuola Sardegna al termine del CORTEO di Cagliari nella giornata dello SCIOPERO Generale indetto per il lavoro pubblico e privato l’11 ottobre 2021 dai COBAS Scuola Sardegna e da tutte le Organizzazioni Sindacali conflittuali e di base.
Video di L.Arrus

 

 

VIDEO del CORTEO di Cagliari e altri interventi al termine della Manifestazione in piazza del Carmine:

Confederazione Cobas, Usb e studenti

https://drive.google.com/folderview?id=1zQHJ1yClQzQCt9RCW2G66EBu2FOnOUlx

 

 

COBAS Scuola Sardegna
video del CORTEO di Cagliari nella giornata dello SCIOPERO Generale dell’11 ottobre 2021

https://drive.google.com/folderview?id=12sIVVYYlMrefSkajwe9wU1OqPL8578SZ

 

 

Scuola e salari:
Cobas e Usb in piazza

Sciopero generale, a Cagliari e centinaia di persone sfilano nel corteo.

di Francesca Melis
da L’Unione Sarda
12 ottobre 2021

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

TGR RAI Sardegna
lunedì 11 ottobre 2021

SCIOPERO Generale del Sindacalismo di base
e Manifestazione Regionale con CORTEO a Cagliari.

Primo servizio sullo sciopero nei trasporti e secondo servizio sullo SCIOPERO Generale dell’11 ottobre 2021 e sul CORTEO di Cagliari.

COBAS Scuola Sardegna

https://www.rainews.it/tgr/sardegna/notiziari/index.html?/tgr/video/2021/10/ContentItem-80b05680-edf9-4147-83a5-e40ab02dee75.html

 

 

TG di TCS
Sciopero Generale e Manifestazione a Cagliari

servizio di Valentina Orgiu
11 ottobre 2021

https://youtu.be/Tx9r3UHSxDg?list=PLLAjpo3toxMdPqzefPBkFVTOjDjFLoKzm&t=399

 

 

Classi pollaio, no green pass e precariato: sindacati di base in piazza a Cagliari.

da YouTG.net
di Monica Magro 11 ottobre 2021

https://www.youtg.net/primo-piano/40186-classi-pollaio-no-green-pass-e-precariato-sindacati-di-base-in-piazza-a-cagliari

 

 

Cagliari. Manifestazione USB e COBAS per sciopero generale nazionale trasporti e scuola 11/10/2021

TELEREGIONE

https://www.youtube.com/watch?v=9oP7PYTM_eQ

 

 

Sciopero generale indetto dai Cobas sul territorio nazionale e regionale. Coinvolti tutti i settori del lavoro pubblico e privato tra scuola, trasporti e sanità. La manifestazione isolana si è concentrata su Cagliari mentre a Sassari, in piazza Castello, ha protestato il movimento studentesco.

da Canale 12

https://m.youtube.com/watch?v=m2Urb4P72Ig&feature=share

 

 

Protesta a Cagliari: “No ai tagli alla sanità, no al green pass e no al fascismo”.

da castedduonline
di Paolo Rapeanu
11 ottobre 2021

https://www.castedduonline.it/protesta-a-cagliari-no-ai-tagli-alla-sanita-no-al-green-pass-e-no-al-fascismo/

 

 

SCIOPERO. PROTESTA A CAGLIARI: NO FASCISMO E GREEN PASS /VIDEO – 11 ottobre 2021

di Andrea Piana (Api/ Dire)

 

 

 

Scioperi: corteo a Cagliari per scuola, sanità e trasporti.

da ANSA Sardegna
11 ottobre 2021

https://www.ansa.it/sardegna/notizie/2021/10/11/scioperi-corteo-a-cagliari-per-scuola-sanita-e-trasporti_90bfb60d-6f5e-4560-b7f8-90af9e859edf.html

https://www.ansa.it/sito/videogallery/italia/2021/10/11/cagliari-al-corteo-dello-sciopero-lo-striscione-no-fascismo-no-green-pass_322aeecd-5d7c-4cc0-8c59-34d04072f466.html

LE SEDI SINDACALI NON SI TOCCANO – COBAS Scuola Sardegna

LE SEDI SINDACALI NON SI TOCCANO

Comunicato di solidarietà alla Cgil e di condanna per l’assalto alla sede romana.

COBAS Scuola Sardegna

LE SEDI SINDACALI NON SI TOCCANO – COBAS Scuola Sardegna

gravi problematiche per tamponi Green Pass – COBAS Scuola Sardegna – 09-10-2021

Al Presidente del Consiglio dei Ministri

Al Ministro degli Interni

Al Prefetto di Cagliari

Al Prefetto di Nuoro

Al Prefetto di Oristano

Al Prefetto di Sassari

Al Presidente della Regione Sardegna

Al Direttore Generale

Ufficio Scolastico Regionale Sardegna

Si allega una nota dei COBAS Scuola Sardegna su “Emergenza e Criticità nel poter effettuare i tamponi necessari ad ottenere la Certificazione Verde a partire dal giorno 15 ottobre 2021”.

Saluti

per i COBAS Scuola Sardegna

Nicola Giua

gravi problematiche tamponi Green pass – COBAS Scuola Sardegna

 

 

admin's RSS Feed
Torna all'inizio