Sindacale

NESSUN OBBLIGO di attività di formazione per i docenti per la cosiddetta inclusione scolastica – COBAS Scuola Sardegna

NESSUN OBBLIGO di attività di formazione per i docenti per la cosiddetta inclusione scolastica.

Con l’art. 1 comma 961 della Legge n. 178/2020 (legge di bilancio 2021) è stato incrementato il fondo per la formazione da destinare alla realizzazione di interventi di formazione “obbligatoria”, non inferiori a 25 ore, sui temi dell’inclusione scolastica da svolgere entro l’anno 2021.

Tale formazione è rivolta al personale docente non specializzato impegnato nelle classi con alunni con disabilità (* art. 1, comma 961 della Legge n. 178/2020 – Legge di bilancio 2021 approvata con il voto di fiducia senza alcuna discussione parlamentare).

Il Decreto Ministeriale n. 188 del 21 giugno 2021 ha disciplinato “le modalità attuative degli interventi di formazione “obbligatoria” del personale docente impegnato nelle classi con alunni con disabilità, per l’anno scolastico 2021/2022, finalizzati all’inclusione scolastica dell’alunno con disabilità e a garantire il principio di contitolarità della presa in carico dell’alunno stesso”.

Come spesso accade lor signori fanno il conto senza l’oste poiché la formazione è materia di competenza degli Organi Collegiali e dei singoli docenti e soprattutto il CCNL Scuola non prevede alcuna attività obbligatoria di formazione oltretutto senza esonero dal servizio e senza alcuna eventuale retribuzione aggiuntiva.

Il Contratto Nazionale in vigore NON prevede, infatti, alcun obbligo in tal senso e la Legge appare “inattuabile” proprio perchè non tiene conto che tale attività non è prevista contrattualmente.

Infatti, la nota del Ministero dell’Istruzione, del 6 settembre 2021, NON INDICA ALCUN OBBLIGO ma afferma che “il personale docente in questione, per l’anno scolastico 2021/2022, sarà INVITATO a frequentare un percorso di formazione su tematiche inclusive, secondo quanto previsto dal DM 188…”.

Anche al Ministero si devono essere accorti che ove indicassero un supposto obbligo alla frequenza di tali corsi (inesistente e non contrattualmente previsto), esporrebbero l’Amministrazione Scolastica ad un enorme contenzioso per la retribuzione di tali attività che, ribadiamo, non sono obbligatorie.

In questi giorni gli Istituti Scolastici stanno INVITANDO le/i docenti ad iscriversi a tali attività di formazione e/o stanno richiedendone la disponibilità.

Ci pare, quindi, opportuno NON fornire alcuna disponibilità alla frequenza di tali corsi (assolutamente ridicoli nel numero di ore), non solo perché non previsti contrattualmente ma soprattutto perché sappiamo tutte/i che si tratta di un “cavallo di Troia”.
Il fine, infatti, non è quello di formare meglio le/gli insegnanti curricolari ma di ridurre in futuro i posti di insegnamento sul sostegno (e le nomine di supplenti quando si assentano), utilizzando questa cosiddetta formazione delle/degli insegnanti per “scaricare” sulle/sugli stessi la gestione delle classi anche se prive di docenti di sostegno.

Nell’eventualità in cui venissero formulati Ordini di Servizio per la frequenza di tale formazione da parte dei Dirigenti Scolastici chiediamo che gli stessi ci siano comunicati prontamente per l’invio delle relative diffide e per l’apertura dei relativi contenziosi.

per i COBAS Scuola Sardegna
Nicola Giua

 

(*) art. 1, comma 961 della Legge n. 178/2020 – Legge di bilancio 2021

Art. 1, comma n. 961
Legge n. 178/2020

961. Il fondo di cui all’articolo 1, comma 125, della legge 13 luglio 2015, n. 107, è incrementato di 10 milioni di euro per l’anno 2021 destinati alla realizzazione di interventi di formazione obbligatoria del personale docente impegnato nelle classi con alunni con disabilità.
Tale formazione è finalizzata all’inclusione scolastica dell’alunno con disabilità e a garantire il principio di contitolarità nella presa in carico dell’alunno stesso.
Con decreto del Ministro dell’istruzione, da adottare entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, sono
stabiliti le modalità attuative, prevedendo il divieto di esonero dall’insegnamento, i criteri di riparto, le condizioni per riservare la formazione al solo personale non in possesso del titolo di specializzazione sul sostegno, la determinazione delle unità formative comunque non inferiori a 25 ore di impegno complessivo, i criteri e le modalità di monitoraggio delle attività formative di cui al presente comma.

legge-178-del-30-dicembre-2020-bilancio-previsione-stato-anno-finanziario-2021-e-bilancio-pluriennale-triennio-2021-2023

decreto-ministeriale-188-del-21-giugno-2021-formazione-personale-docente-ai-fini-inclusione-degli-alunni-con-disabilita

AOODGPER.REGISTRO-UFFICIALE.2021.0027622

 

 

da La Tecnica della Scuola

https://www.tecnicadellascuola.it/formazione-sullinclusione-il-ministero-non-parla-piu-di-obbligo-e-dice-che-i-docenti-saranno-invitati-a-partecipare/amp

 

MANIFESTAZIONE REGIONALE PER LA SANITA’ PUBBLICAvenerdì 24 settembre 2021 alle ore 09:00 Piazza Bonaria Cagliari – adesione COBAS Scuola Sardegna

I COBAS Scuola Sardegna aderiscono alla
MANIFESTAZIONE REGIONALE PER LA SANITA’ PUBBLICA

venerdì 24 settembre 2021
alle ore 09:00
Piazza Bonaria Cagliari

La manifestazione è venerdì 24 settembre alle 09.00 da piazza dei Centomila e non essendoci sciopero chiediamo a tutte/i coloro che vorranno e potranno di “liberarsi” dal lavoro e partecipare anche con permessi vari.

COBAS Scuola Sardegna

 

 

Rassegna Stampa della Manifestazione contro l’obbligo del green pass a scuola organizzata dai COBAS Scuola Sardegna presso il Consiglio Regionale a Cagliari l’8 settembre 2021

Rassegna Stampa della Manifestazione contro l’obbligo del green pass a scuola organizzata dai COBAS Scuola Sardegna presso il Consiglio Regionale a Cagliari l’8 settembre 2021

Scuola sicura con gli investimenti. No alla carta verde.

da L’Unione Sarda
9 settembre 2021

Manifestazione COBAS Scuola Sardegna contro l’obbligo del green pass 8 settembre 2021.

Manifestazione COBAS Scuola Sardegna contro l’obbligo del green pass 8 settembre 2021.

da La Nuova Sardegna
9 settembre 2021

GREEN PASS INSEGNANTI: NO DEI COBAS E IL 14 SCIOPERO DI ANIEF E SISA

servizio di VIDEOLINA TG dell’8 settembre 2021

https://www.videolina.it/articolo/tg/2021/09/08/green_pass_insegnanti_no_dei_cobas_e_il_14_sciopero_di_anief_e_si-78-1148673.html

Green pass: Cobas scuola, “no a obbligo sì ai test salivari”

Sit-in di protesta sotto il Consiglio regionale a Cagliari.

Redazione Ansa CAGLIARI

Settembre 08, 2021 – News

https://www.google.com/amp/s/www.ansa.it/amp/sardegna/notizie/2021/09/08/green-pass-cobas-scuola-no-a-obbligo-si-ai-test-salivari_033758e0-539a-4218-aef6-11636e4ab99c.html

Aule sovraffollate e poco personale: scuola sarda in protesta sotto il palazzo regionale.

di Roberto Anedda

8 settembre 2021

da VISTANET

https://www.google.com/amp/s/www.vistanet.it/cagliari/2021/09/08/video-aule-sovraffollate-e-poco-personale-scuola-sarda-in-protesta-sotto-il-palazzo-regionale/amp/

COBAS Scuola Sardegna in piazza contro l’obbligo del green pass nelle scuole e università.

https://youtu.be/wDXE2k6wkDs

Cagliari, la rabbia dei prof contro il green pass: “No all’obbligo, vogliamo i test salivari gratis”.

da castedduonline

di Paolo Rapeanu

8 Settembre 2021

https://www.castedduonline.it/cagliari-la-rabbia-dei-prof-contro-il-green-pass-no-allobbligo-vogliamo-i-test-salivari-gratis/

Green pass nelle scuole, Cobas in piazza a Cagliari: “No all’obbligo, sì ai test salivari”

La manifestazione sotto il palazzo del Consiglio regionale

da L’Unione Sarda online

8 settembre 2021

https://www.unionesarda.it/news-sardegna/cagliari/green-pass-nelle-scuole-cobas-in-piazza-a-cagliari-no-allobbligo-si-ai-test-salivari-s0rovm2c

NO all’obbligo del green pass – SI ad investimenti per la scuola – MANIFESTAZIONE a CAGLIARI in via Roma, Consiglio Regionale della Sardegna – MERCOLEDI’ 8 SETTEMBRE 2021, dalle ore 10.30 alle ore 14.00

NO all’obbligo del green pass
SI ad investimenti per la scuola

MANIFESTAZIONE a CAGLIARI in via Roma nello spazio antistante il Consiglio Regionale della Sardegna

 

MERCOLEDI’ 8 SETTEMBRE 2021,
dalle ore 10.30 alle ore 14.00

COBAS Scuola Sardegna

 

No al Green pass, SI ad investimenti nella Scuola – COBAS Scuola Sardegna

 

manifestazione_8sett

 

 

 

 

 

Formale DIFFIDA ai Dirigenti Scolastici – Controllo su “certificazione verde” covid19 (green pass). Illegittimità delega DS a personale non disponibile. Illegittimità variazioni orario per controlli. COBAS Scuola Sardegna  

COBAS Scuola Sardegna

Controllo su “certificazione verde” covid19 (green pass).

Illegittimità delega DS a personale non disponibile.

Illegittimità variazioni orario per controlli.

Formale DIFFIDA ai Dirigenti Scolastici

DIFFIDA DS su delega controllo Green pass – COBAS Scuola Sardegna

 

 

IL PASS E’ GREEN COME UNA FOGLIA DI FICO – COBAS Scuola Sardegna

COBAS Scuola Sardegna

IL PASS E’ GREEN COME UNA FOGLIA DI FICO

A due settimane dall’inizio delle attività didattiche in Sardegna e in molte altre Regioni nulla di concreto è stato fatto perché alunni e operatori scolastici possano tornare in sicurezza nelle aule.

Nessuna riduzione del numero di alunni per classe. Nessun incremento del numero dei docenti e del personale ATA. Aule affollate antididatticamente come lo erano prima della pandemia, aule affollate irresponsabilmente ora, con la variante delta del virus che miete sempre più vittime anche tra i più giovani. Non sicuri sanitariamente i trasporti pubblici locali riservati agli studenti e ai lavoratori pendolari, per accedere ai quali, paradossalmente, non è richiesto alcun Green Pass.

La nostra Regione, infatti, come tante altre, ha speso solo una minima parte dei fondi stanziati a tale scopo. Non ci saranno più bus, non ci saranno controllori a bordo.

Così dopo due anni di Covid: tutto come peggio di prima.

Il ministro Bianchi, con la complice responsabilità di alcune sigle sindacali preoccupate di difendere solo l’operato dei Dirigenti sceriffi, con ottusa protervia continua a proporre come unica soluzione, per un ritorno sicuro alla didattica in presenza, il Green Pass obbligatorio per Docenti e Ata, con annesse minacce di sospensione dal servizio e dallo stipendio.

Naturalmente gli studenti, come per l’utilizzo dei trasporti pubblici locali, per accedere a scuola non dovranno esibire alcun Green Pass. Perché?

Troppo complicato controllare milioni di alunni, meglio concentrarsi demagogicamente su una minoranza di addetti che non supera il 10% del totale. Una minoranza che se sprovvista di Green Pass potrebbe sottoporsi a test salivari veloci e gratuiti come chiedono i COBAS Sardegna da mesi.

Questa ipotesi, prevista peraltro nel protocollo d’intesa firmato tra ministro e sindacati c.d. maggiormente rappresentativi, per garantire l’avvio dell’anno scolastico in sicurezza, è stata poi smentita, con una nota unilaterale del Ministero, dietro pressione delle associazioni dei presidi che si sono opposte all’utilizzo di risorse già in possesso degli istituti scolastici per i test salivari gratuiti riservandoli ai soli operatori certificati come “soggetti fragili”.

Noi non ci arrenderemo a tanta arroganza coniugata con incapacità e volontà di coprire carenze e ritardi decennali della scuola pubblica con sotterfugi ipocriti e dannosi.

Non accetteremo tentativi di distrazione di massa per fornire alibi alle inadempienze governative centrali e periferiche criminalizzando coloro che non sono ancora vaccinati.

D’altra parte, se la vaccinazione non rende invulnerabili dal contagio e dalla contagiosità con il mancato rispetto contestuale delle regole sul distanziamento e dell’uso delle mascherine, l’immunizzazione sembrerebbe ostacolare l’insorgere delle forme più severe e nefaste della malattia.

Così a fronte di una situazione pandemica che nella nostra regione sembra aggravarsi fino a decretarne l’imminente stato di “zona gialla” riteniamo che ciascun addetto al settore scuola debba valutare le proprie scelte per orientarle alla più efficace protezione di sé stesso e del contesto in cui vive e lavora.

Ciò premesso i COBAS Sardegna contrasteranno con ogni mezzo il decreto governativo specificamente nella parte che discrimina i non vaccinati non offrendo l’alternativa dei test veloci gratuiti.

Pertanto, dopo aver indetto da lunedì 9 agosto 2021, lo stato di agitazione di tutta la categoria, ribadiamo le nostre richieste ed azioni conseguenti che intendiamo condurre a partire dal 1° settembre 2021:

  • abrogazione dell’art. 9 ter del Decreto Legge 6 agosto 2021, n.111 (Impiego delle certificazioni verdi COVID-19 in ambito scolastico e universitario);

  • rifiuto da parte di docenti e non docenti di effettuare su altro personale controlli relativi ai Green Pass su delega dei Dirigenti perché atto non dovuto;

  • rifiuto da parte dei Collegi Docenti di eleggere referenti-Covid con funzioni poliziesche pagati con il Fondo d’Istituto;

  • rifiuto di mostrare ai dirigenti-sceriffi o loro delegati i Green pass da parte dei vaccinati;

  • azioni giuridiche a tutela del personale docente e non docente eventualmente colpito da sanzioni;

  • annuncio di un sit-in di protesta con richiesta d’incontro con il presidente della Regione Sardegna al fine di ottenere:

  • misure adeguate in materia di sicurezza sanitaria per trasporti pubblici e locali scolastici con la spedita di tutte le somme messe a disposizione a tal fine dallo stato centrale;

  • tamponi salivari veloci gratuiti per gli operatori scolastici sardi ancora sprovvisti di Green Pass garantiti dalla Regione attraverso apposita convenzione con l’ATS.

Cagliari, 29 agosto 2021

                                                                           COBAS Scuola Sardegna

 

 

IL PASS E’ GREEN COME UNA FOGLIA DI FICO – COBAS Scuola Sardegna

 

 

 

Assemblea Sindacale ONLINE dei COBAS Scuola Sardegna – lunedì 30 agosto 2021 h. 17.30 

Assemblea Sindacale ONLINE
dei COBAS Scuola Sardegna
lunedì 30 agosto 2021 h. 17.30

Comunichiamo che lunedì 30 agosto 2021, dalle ore 17.30 alle ore 20,00, è convocata in modalità telematica un’Assemblea Sindacale dei COBAS Scuola Sardegna di iscritte/i e simpatizzanti per discutere il seguente O.d.G.:

1) inizio di anno scolastico e proposte di azioni contro l’obbligo del Green Pass per il personale scolastico;

2) proposta di una prossima manifestazione regionale in Sardegna e Sciopero Generale di tutto il sindacalismo di base dell’11 ottobre 2021;

3) situazione della scuola in Sardegna (problematiche di inizio anno, assegnazione Docenti e Ata, organici e formazione classi, precariato, 35 ore ATA, contratti d’istituto).

Si ricorda che le Assemblee COBAS sono aperte a tutte/i le/i colleghe e colleghi interessate/i (anche non iscritti/e) e vista l’importanza degli argomenti confidiamo nella massima partecipazione.

Il collegamento potrà essere effettuato sulla piattaforma zoom al seguente link:

https://us02web.zoom.us/j/87596257671?pwd=c1pNdHoyV0srRVVRRUdydEFuSm1lZz09

Per INFO scrivere o chiamare:
mail: cobascuola.ca@gmail.com
chiamate o messaggi:
3516757132

per i COBAS Scuola Sardegna
Nicola Giua

OBBLIGO VACCINALE PER I LAVORATORI, I SINDACATI SARDI FRENANO. I COBAS: “Come un Tso, ci opponiamo”. La Cgil: “Lo imponga il governo”. 

OBBLIGO VACCINALE PER I LAVORATORI, I SINDACATI SARDI FRENANO. I COBAS: “Come un Tso, ci opponiamo”. La Cgil: “Lo imponga il governo”.

da YouTG.NET
27 agosto 2021

https://youtg.net/top-news/39023-obbligo-vaccinale-al-lavoro-i-sindacati-sardi-frenano-come-un-tso-decida-il-governo

MOBILITÀ dei Dirigenti Scolastici in Sardegna anno scolastico 2021-2022, nuove ASSEGNAZIONI in ruolo e incarichi di REGGENZA 

MOBILITÀ dei Dirigenti Scolastici in Sardegna anno scolastico 2021-2022, nuove ASSEGNAZIONI in ruolo e incarichi di REGGENZA

RETTIFICA incarichi di REGGENZA DS in Sardegna anno scolastico 2021-2022

RETTIFICA ELENCO REGGENZE 2021.2022

Incarichi di REGGENZA DS in Sardegna

anno scolastico 2021-2022

ELENCO REGGENZE 2021.2022

 

 

Nuove Assegnazioni ruolo DS 2021-2022

23 agosto 2021

m_pi.AOODRSA.REGISTRO-UFFICIALEU.0015728.23-08-2021

Decreto e allegati MOBILITÀ DS

6 luglio 2021

m_pi.AOODRSA.REGISTRO UFFICIALE(U).0012767.06-07-2021

 

ALLEGATO 1

ALLEGATO 2

ALLEGATO 3

 

 

Dalla Sardegna un minuto di silenzio in ricordo di Gino Strada

Un minuto di silenzio in
ricordo di Gino Strada

Oggi, 23 agosto 2021 alle ore 18.00, proponiamo, con altri, un minuto di silenzio come segno di partecipazione sarda in onore ed in ricordo di Gino Strada.

COBAS Scuola Sardegna

 

GINO STRADA AMMENTU DE UNU GIGANTE

https://youtu.be/iexCiXUCcr0

 

SCIOPERO GENERALE DEL SINDACALISMO DI BASE SPOSTATO A LUNEDI 11 OTTOBRE 2021 – Comunicato Stampa

SCIOPERO GENERALE DEL SINDACALISMO DI BASE SPOSTATO A LUNEDI 11 OTTOBRE 2021.

Comunicato Stampa

 

Le scriventi OO.SS., preso atto della definizione delle date delle prossime elezioni amministrative in programma in diversi comuni italiani il 3-4 ottobre con possibile ballottaggio il 17-18 ottobre, e dei conseguenti periodi di franchigia previsti dalla normativa sul diritto di sciopero, comunicano la revoca dello Sciopero Generale di tutti i settori privati e pubblici per l’intera giornata del 18.10.2021 e proclamano lo Sciopero Generale che riguarderà tutti i settori privati e pubblici per l’intera giornata dell’11.10.2021.

Di seguito il comunicato stampa aggiornato alla luce della nuova data di convocazione.
Contro licenziamenti e macelleria sociale l’intero sindacalismo di base si unisce e proclama uno sciopero generale dei settori privati e pubblici su tutto il territorio nazionale per l’intera giornata dell’11 ottobre 2021.

ADL COBAS
CIB UNICOBAS
CLAP
CONFEDERAZIONE COBAS
COBAS SANITA’, UNIVERSITA’ E RICERCA
COBAS SCUOLA SARDEGNA
CUB
FUORI MERCATO
SGB
SI COBAS
SIAL COBAS
SLAI COBAS S.C.
USB
USI CIT

COMUNICATO STAMPA

comunicato-stampa sciopero 11 ottobre 21

 

 

Addio Gino – in ricordo di Gino Strada

Addio Gino

Siamo cresciuti anche con il tuo lucido esempio di abnegazione e impegno militante per il diritto alla cura di tutti gli esseri umani coinvolti in conflitti sanguinari e crudeli lungo quel sottile confine che non discrimina vittime da carnefici.

Il vero crimine sono le guerre, dicevi.

I veri assassini sono coloro che le generano e le supportano.

Grazie per averci insegnato tanto anche nel nostro agire quotidiano di donne e uomini di scuola.

COBAS Scuola Sardegna

 

 

No al Green pass come TSO per il personale della scuola – COBAS Scuola Sardegna

COBAS Scuola Sardegna – No al Green pass come TSO per il personale della scuola

Le misure draghiane (DECRETO-LEGGE 6 agosto 2021, n. 111) varate con il parere unanime della multiforme compagine governativa per colpire i non vaccinati della scuola si configurano come un vero e proprio Trattamento Sanitario Obbligatorio contro una categoria di lavoratrici e lavoratori che a tutt’oggi risultano essere le vittime e non certo la causa dei contagi.

Secondo gli stessi dati diffusi dal ministro Bianchi, l’86% del personale è già vaccinato, dunque perché tale accanimento?

La minaccia della sospensione dal servizio, e dallo stipendio, agitata sulla testa degli insegnanti e del personale ATA che intendessero avvalersi del diritto soggettivo a non vaccinarsi appare un palese ricatto nonché un vero crimine giuridico-sanitario, illegittimo e punitivo, che ha come unico fine quello di fungere da foglia di fico alle inesistenti azioni che invece sarebbero state utili, necessarie ed efficaci in materia di edilizia scolastica, organici e trasporti.

Più volte abbiamo rivendicato l’incremento degli organici e la riduzione del numero degli alunni per classe come misura necessaria a ridurre le possibilità di contagio.

Nulla è stato fatto.

Infatti, anche il prossimo anno scolastico avrà inizio con classi formate con fin oltre 30 alunni e il numero dei c.d. docenti-covid sarà inferiore a quello dell’anno scolastico in corso, così come quello del personale ATA.

Costantemente abbiamo invocato provvedimenti urgenti in materia di trasporto pubblico perché gli alunni e gli addetti del settore scuola pendolari potessero viaggiare in sicurezza. Non solo non sono previsti a livello statale e regionale stanziamenti adeguati allo scopo, ma addirittura per accedere alla mobilità locale non è prevista l’esibizione del green pass.

Contraddizioni palesi ed inconfutabili che mentre coprono la non volontà ad investire in ambiti strategici del vivere civile tentano di criminalizzare una intera categoria di lavoratrici e lavoratori.

Noi non intendiamo addentrarci in disquisizioni di carattere sanitario ed epidemiologico intendiamo invece difendere le libere scelte di coloro che hanno deciso di vaccinarsi, di coloro che hanno deciso di non farlo e di quanti a tutt’oggi non hanno potuto farlo.

Risibile, provocatoria e pericolosa, invece, l’opzione di tamponi molecolari ogni 48 ore, a proprie spese, per chi decidesse di non “immunizzarsi” al fine di accedere al posto di lavoro.

Una concreta promessa di costosa tortura per i renitenti al vaccino, mentre viene semplicemente eluso ogni riferimento a test rapidi salivari e gratuiti che potrebbero, invece, essere effettuati facilmente nelle scuole.

Nel contempo gli aderenti alla Associazione Nazionale Presidi, dopo aver richiesto con veemenza e protervia l’emanazione di provvedimenti sanzionatori atti a colpire gli addetti al settore scuola che non si piegassero ai diktat governativi, si preparano ad esercitare la funzione di sceriffi all’ingresso delle scuole, a differenza di altre associazioni con ben altro spessore civile e democratico che esprimono, invece, dissenso e indignazione.

Citiamo il Presidente del Movimento dei diritti Civili, Franco Corbelli che nell’auspicare una risposta oppositiva democratica, definisce “il Green pass per il personale scolastico una mostruosità giuridica, una barbarie che serve solo a costringere i docenti a vaccinarsi anche contro la loro volontà per non perdere lavoro e stipendio…”.

Citiamo, altresì, una nota del Consiglio Direttivo di Medicina Democratica che in relazione ai provvedimenti coercitivi in materia sanitaria recita: “La vaccinazione è un trattamento sanitario e va utilizzato considerando le condizioni personali… La previsione di obblighi rigidi, per categorie di lavoratori o generalizzate, tanto più se connesse con la sospensione dal lavoro e l’azzeramento del reddito (fino al licenziamento per le categorie precarie) risultano in contrasto con i diritti dei lavoratori e con le norme in materia di sicurezza sul lavoro”.

I COBAS Scuola Sardegna per le ragioni addotte:

  • dichiarano, a decorrere da lunedì 9 agosto 2021, lo stato di agitazione di tutta la categoria;

  • annunciano ad integrazione delle proteste già indette per il prossimo autunno, azioni giuridiche a tutela del personale docente e ATA eventualmente colpito da sanzioni;

  • diffidano governo centrale e regionale dal perseverare in azioni minacciose e persecutorie nei confronti degli addetti del settore scuola;

  • richiedono l’immediata abrogazione dell’art. 9 ter del Decreto Legge 6 agosto 2021, n. 111 (Impiego delle certificazioni verdi COVID-19 in ambito scolastico e universitario);

  • invitano quanti si sono spontaneamente vaccinati a solidarizzare concretamente con chi non intenda farlo rifiutandosi di mostrare ai dirigenti-sceriffi i loro Green pass;

  • promuovono sui social iniziative diffuse perché i diritti civili in materia sanitaria permangano inalienabili.

Cagliari, 9 agosto 2021

           COBAS Scuola Sardegna

documento COBAS Scuola Sardegna

No al Green pass come TSO per il personale della scuola

 

No al Green pass come TSO per il personale della scuola – COBAS Scuola Sardegna

 

 

Torna all'inizio