aleida-guevaraIeri 18 maggio aleida guevara è stata a ghilarza, ha visitato la casa di antonio gramsci e ha incontrato questo popolo dei due mondi, il popolo terzomondista di nino e del ‘che’, in una assemblea lunga e appassionata; tanto piena di gente e di passione che per me è troppo presto parlarne già oggi;

il motivo per cui cito qui comunque questo evento è piuttosto un motivo collaterale, ed è costituto dall’indicazione del tema dell’incontro così come girato alla stampa nei giorni precedenti: ovvero, letteralmente, “antonio gramsci e ‘che’ guevara dalla parte degli ultimi”;

la mia prima reazione alla lettura di questa espressione, probabilmente improvvisata e dettata dalla fretta, è stata di quasi imbarazzo ed affidata a una parolina salvifica che ho imparato da piccolo: “boh”; la seconda reazione è stata di quasi rassegnazione: infatti ormai la comunicazione, con tutta la sua evidenza ingenua e impolitica, era diventata pubblica e non restava che ribadirla comunque, anche se in modo sommesso;

la ragione del mio quasi imbarazzo e della mia quasi rassegnazione era costituita dal fatto che la persona reale che tutti ci apprestavamo ad incontrare, aleida, è in primo luogo una donna di oggi coi problemi di oggi, un medico pediatra di una repubblica molto speciale del caribe; ed in secondo luogo, ma solo in secondo luogo, conteneva in quell’incontro strettamente attuale un altro incontro di una attualità molto più ampia, cioè la relazione politica e morale tra gramsci ed il ‘che'; in questa composizione già abbastanza complicata il riferimento tematico ai fantomatici “ultimi” mi era parso un modo di dilatare il seminato nell’universo mondo, cosa che solo ai papi e ai poeti è concesso di fare;

per di più si è accennata fra alcuni di noi una comica rincorsa alla giusta interpretazione, visto che una correzione lessicale era ormai impossibile: quindi gli ultimi sono diventati gli oppressi, poi gli oppressi sono diventati i subalterni, poi i subalterni sono diventate le classi subalterne e così via ancora su altre subalternazioni semantiche;

ora, a cose fatte, mi sembra giunto il momento di puntualizzare il concetto di “ultimi” nel mondo attuale, considerando che il mondo attuale è in primo luogo un mondo di persone reali e di relazioni reali tra persone reali e che solo in secondo luogo è un mondo di parole e di relazioni concettuali tra le parole;

quindi ora devo confessare di avere rovesciato la mia posizione scettica, e sentendo di rivendicare la giustezza del concetto “politico” di “ultimi” non provo alcun imbarazzo nell’alone religioso o morale della parola; gli “ultimi” esistono realmente ed anzi essi costituiscono incontrovertibilmente la grande generalità degli esseri umani che oggi abitano il pianeta;

è pur vero che il concetto è relativo, in quanto ci sono gli ultimi nella scala del potere, gli ultimi nella scala della cultura, gli ultimi nella scala della salute, gli ultimi nella scala dell’occupazione, gli ultimi nella scala della ricchezza ecc.; ma è anche vero che il concetto è anche assoluto, in quanto in genere gli ultimi in una scala sono anche gli stessi ultimi di ogni altra scala e sarebbe il caso, una buona volta, di capire che questo è un fatto politico: anzi è il fatto in assoluto più politico di questa epoca storica;

il problema oggi consiste quindi nel fare in modo che questo enorme e inedito “fatto” politico dia luogo alla costituzione di un altrettanto enorme e inedito “soggetto” politico, che sorga dalle apparenti mille diversità di ogni “ultimo” in particolare;

questo problema necessita di considerare il fatto subordinato, altrettanto politico, che l’esistenza reale di “ultimi” comporta “sempre” l’invenzione propagandistica di “penultimi”, e comporta ancora la conseguenza che il centro di gravità dei problemi e delle soluzioni si sposti dal suo luogo decisivo (la piramide sociale edificata in funzione dei “primi”, i potenti, i padroni del pensiero, i normocappati, i manager, le aristocrazie operaie, i ricchi) al suo campo di guerra ovunque circostante aizzato quotidianamente ad hoc: il campo della guerra tra i penultimi e gli ultimi: disoccupati francesi contro immigrati magrebini, senza casa di centocelle contro campi rom, mutilati di aleppo contro artigiani di budapest, figli disoccupati contro padri pensionati, ecc.: e infine, poiché le scorciatoie sono sempre la più facile soluzione in tanta dolorosa e multicolore diversità, bianco contro nero;

il gioco, come dice il poeta, davvero si fa teso e tetro: mentre la discarica degli ultimi non contempla un trattamento differenziato, la geografia dei penultimi è sottoposta a una continua tensione di auto-differenziazione, poiché ciascuno è indotto a temere che domani sarà più penultimo di oggi e rischierà di diventare almeno provvisoriamente il negro di qualcun altro;

è vero che ogni epoca storica ha potuto vantare i suoi oppressi, i suoi sottoproletari e la sua plebe, cioè i suoi subalterni in genere; ma qui siamo di fronte a un fenomeno storico nuovo e tanto grande quanto può essere grande la proporzione di 99 contro 1 nella distribuzione della ricchezza, o quanto può essere grande il numero di tre o quattro o cinque miliardi di esseri umani in un pianeta così unico, così sbagliato e così piccolo;

ma non si tratta solo di uno spaventoso aspetto quantitativo; si tratta soprattutto della differenza decisiva per cui i subalterni in genere, per quanto oppressi, sfruttati, imbrogliati e massacrati, hanno goduto in ogni epoca storica di un riconoscimento di soggettività sociale, fosse anche soltanto per giustificarne il genicidio; è proprio nei subalterni in genere che lo stesso gramsci individua la sorgente profonda di ogni dimensione di cultura: riconoscimento e coscienza, l’alfabeto binario di ogni identità nel consorzio umano;

non è così invece per gli “ultimi” di questa epoca storica conformata sulla teologia totalitaria e nichilistica del neoliberismo; gli “ultimi” sono tutti e nessuno, e dispongono tutt’al più di una identità inservibile se non per essere respinti giuridicamente, se non dovesse bastare la loro condizione fattuale di annichilimento e di scarto; nessuno di noi dispone oggi di una adeguata comprensione di questo fatto e di una possibile concezione politica, ma a ciascuno di noi è ancora concesso di riflettere in un modo almeno pre-politico ma onesto con se stessi;

con questo ho deciso: antonio gramsci ed ernesto ‘che’ guevara: dalla parte degli ultimi

Gian Luigi Deiana